Login

Login

studi settore

Gli studi di settore possono essere definiti: 

  • come una procedura informatizzata a base statistica tramite la quale si perviene alla determinazione "fiscale" di valori di ricavi e compensi presunti per ciascuna impresa o professionista ad essi soggetto;
  • come un "percorso facilitato" che l'Amministrazione Finanziaria può seguire nella propria attività di accertamento nei confronti delle piccole imprese e dei professionisti

Concretamente, si avvalgono di un software creato da SOSE e messo a disposizione dell'Amministrazione Finanziaria, denominato GERICO, mediante il quale i dati caratteristici (contabili ed extracontabili) di ciascun operatore vengono elaborati seguendo la funzione di regressione approvata con ciascuno studio e restituiscono la posizione del contribuente rispetto ai livelli di congruità (posizionamento rispetto ai ricavi presunti) e coerenza (posizionamento rispetto ai valori "normali" dei range di alcuni indicatori economici) che risultano predeterminati fin dall'approvazione dello studio di settore.

L'operazione è trasparente nei confronti del contribuente il quale è in grado di conoscere la sua posizione rispetto alle risultanze dello studio di settore nel momento stesso in cui compila la dichiarazione dei redditi (o addirittura prima in caso di monitoraggio della sua posizione già in corso d'anno) e prendere le sue decisioni in merito all'eventuale adeguamento o meno.

La normativa vigente prevede che, in caso di mancato spontaneo adeguamento del contribuente, gli Uffici dell'Agenzia delle Entrate, ricorrendone le condizioni di applicabilità, possano procedere ad accertamento utilizzando come dati e motivazione le risultanze degli studi di settore: essi rappresentano quindi una presunzione relativa (che ammette la prova contraria da fornirsi a carico del contribuente) alla quale "ope legis" sono stati forniti i requisiti di gravità, precisione e concordanza.


Studio di settore commercio al dettaglio di mobili

Lo studio di settore SM29U relativo al commercio al dettaglio di mobili, è entrato in vigore nel periodo di imposta 2001 ed è stato evoluto una prima volta nel 2004 (TM29U) e a seguire nel 2008 (UM29U), nel 2011 (VM29U) e da ultimo nel 2014 (WM29U).

Scarica a lato le osservazioni presentate da Federmobili all'Agenzia delle Entrate ai fini della validazione dello studio di settore
(i documenti sono riservati ai soci registrati al sito)

  • TM29U (2004)
  • UM29U (2008)
  • VM29U (2011)
  • WM29U (2014)


Scarica la documentazione aggiornata relativo allo Studio di Settore "commercio al dettaglio di mobili" direttamente dal sito dell'Agenzia delle Entrate:

Nota tecnica e prassi di riferimento per lo studio di settore VM29U (evoluzione dello studio di settore UM29U)

47.59.10 - Commercio al dettaglio di mobili per la casa

47.59.91 - Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini e articoli in plastica per uso domestico
2014 Nota Tecnica WM29U WM29U -  Circolare 28/E del  lug 2015


La nota tecnica è un documento che, approvato insieme allo studio di settore stesso, ne costituisce con i suoi allegati la struttura, determinando i vari coefficienti della funzione di ricavo (quella che verifica la congruità dei ricavi dichiarati) e le variabili dell'analisi discriminante (quella che posiziona ciascuna impresa all'interno del gruppo omogeneo di sua competenza), nonché prevedendo gli indicatori di coerenza adottati per lo studio. La nota tecnica provvede inoltre a fornire informazioni sulle elaborazioni statistiche effettuate e sul percorso che ha portato ai risultati evidenziati nello studio, evidenziando i criteri adottati nella costruzione dello studio di settore, l'identificazione e la descrizione dei vari gruppi omogenei (clusters) nonché la loro numerosità rilevata, l'applicazione della funzione di ricavo. 


Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore.


Il modello per comunicazione dei dati rilevanti ai fini dello studio di settore è il documento dal quale l'Agenzia delle Entrate acquisisce i dati necessari per verifica della posizione del contribuente tramite il programma GERICO. Esso deve essere obbligatoriamente allegato alla dichiarazione dei redditi Modello Unico ed inviato telematicamente insieme con quest'ultimo. Esso è composto da alcuni quadri destinati a raccogliere le informazioni sul personale impiegato (Quadro A), sulle unità locali utilizzate (Quadro B), sugli elementi specifici dell'attività (Quadro D), sugli elementi contabili (Quadro F) e residuali ai fini dell'applicazione di eventuali correttivi (Quadri X, V, Z)). 
Download
parere validazione studi revisione VM29U (2011)
osservazioni Federmobili studio di settore WM29U
Dimensione: 352 KB
parere validazione studi revisione UM29U (2008)
Parere validazione studi revisione TM29U (2004)

Federmobili provinciali


Focus on

casa conviene
corsi
Bussola
Guida bonus mobili

Partner

colonia
findomestic

aderente

FEDERMOBILI - Milano, C.so Venezia, 51  tel: 02 76001403  -  fax: 02783032  -  federmobili@federmobili.com
P.IVA 06069770961
credits:
L.Dealessandri - O.Macrì / webmobili
powered by Sinte

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. OK