Fisco e Studi di Settore – Federmobili

Scarica la newsletter fiscale di Confcommercio
Riservata ai soci iscritti al sito

Cosa sono

Gli studi di settore, elaborati mediante analisi economiche e tecniche statistico-matematiche, consentono di stimare i ricavi o i compensi che possono essere attribuiti al contribuente.

Individuano, a tal fine, le relazioni esistenti tra le variabili strutturali e contabili delle imprese e dei lavoratori autonomi con riferimento al settore economico di appartenenza, ai processi produttivi utilizzati, all’organizzazione, ai prodotti e servizi oggetto dell’attività, alla localizzazione geografica e agli altri elementi significativi (ad esempio area di vendita, andamento della domanda, livello dei prezzi, concorrenza, ecc.).

Gli studi di settore sono utilizzati dal contribuente per verificare, in fase dichiarativa, il posizionamento rispetto alla congruità (il contribuente è congruo se i ricavi o i compensi dichiarati sono uguali o superiori a quelli stimati dallo studio, tenuto conto delle risultanze derivanti dall’applicazione degli indicatori di normalità economica) e alla coerenza (la coerenza misura il comportamento del contribuente rispetto ai valori di indicatori economici predeterminati, per ciascuna attività, dallo studio di settore), e dall’Amministrazione finanziaria quale ausilio all’attività di controllo.

Per il settore del commercio al dettaglio di mobili per la casa (codice Ateco 47.59.10), gli studi di settore trovano applicazione  per le annualità di imposta dal 2008 al 2017 comprese.

 

Modulistica e istruzioni

Studi di settore 2018  – PERIODO D’IMPOSTA 2017

 

 

ISA (Indici sintetici di affidabilità)

Cosa sono

A partire dall’annualità di imposta  2018 il regime degli Studi di Settore sarà sostituito dal regime degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA).

Con l’istituzione degli Indici sintetici di affidabilità, l’Agenzia delle Entrate vuole favorire l’assolvimento degli obblighi tributari e incentivare l’emersione spontanea di redditi imponibili. L’istituzione degli indici per gli esercenti di attività di impresa, arti o professioni, rappresenta un’ulteriore iniziativa che mira, utilizzando anche efficaci forme di assistenza (avvisi e comunicazioni in prossimità di scadenze fiscali) ad aumentare la collaborazione fra contribuenti e Amministrazione finanziaria.

Nel dettaglio, gli indici sono indicatori che, misurando attraverso un metodo statistico-economico, dati e informazioni relativi a più periodi d’imposta, forniscono una sintesi di valori tramite la quale sarà possibile verificare la normalità e la coerenza della gestione professionale o aziendale dei contribuenti . Il riscontro trasparente della correttezza dei comportamenti fiscali consentirà di individuare i contribuenti che, risultando “affidabili”, avranno accesso a significativi benefici premiali.

 

Incontri con le Organizzazioni di Categoria

Federmobili ha partecipato ai seguenti incontri presso la sede dall’Agenzia delle Entrate e di SOSE:

  • 10 maggio 2018: incontro per la presentazione della metodologia utilizzata per l’elaborazione degli ISA per il macro-comparto commercio
  • 30 maggio 2018: incontro per l’esame e la valutazione dei risultati dell’indice sintetico di affidabilità fiscale AM29U applicabile ai codici attività 47.59.10 Commercio al dettaglio di mobili per la casa e 47.59.91 Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini e articoli in plastica per uso domestico.

 

Documentazione predisposta dalla SOSE utilizzata in fase di confronto con le Organizzazioni di categoria

 

Documentazione predisposta da Federmobili

Ai fini della validazione dell’ISA – AM29U da parte dell’apposita Commissione degli Esperti, Federmobili ha inviato in data 2 luglio 2018 le proprie osservazioni all’Agenzia delle Entrate.

L’ISA – AM29U dovrà essere approvato con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze entro il 31 dicembre 2018.